IO DO UNA MANO

Come operiamo

Vi raccontiamo il percorso e i vari passi di avvicinamento al ricevimento della protesi. Sarà un processo graduale e non traumatico per il bambino.

01

Primo contatto con la famiglia

I contatti con le famiglie saranno gestiti dai volontari delegati a tale ruolo dall’Associazione. I volontari saranno adeguatamente formati ed agiranno secondo un protocollo stilato dal Comitato Scientifico al quale si atterrano scrupolosamente. Il protocollo servirà a garantire la massima efficacia e al contempo la minima invadenza del nostro intervento in un contesto particolarmente delicato. Il primo contatto tra l’Associazione e la famiglia potrebbe avvenire on line.

02

La conoscenza del bambino

Guidata dai volontari formati, è finalizzata a capire meglio il contesto, il profilo del bambino, le sue aspettative ed i suoi problemi, nonché gli aspetti ortopedici.

La conoscenza del bambino

Guidata dai volontari formati, è finalizzata a capire meglio il contesto, il profilo del bambino, le sue aspettative ed i suoi problemi, nonché gli aspetti ortopedici.

03

La progettazione e la consegna dei dispositivi

La protesi sarà realizzata utilizzando il metodo HCD (Human Centred Design) che prevede il coinvolgimento della famiglia e del bambino fin dalla progettazione. Le consegne dei dispositivi saranno organizzate in modo tale da soddisfare le esigenze del bambino e la sua sensibilità. A seconda delle singole caratteristiche e personalità del bambino, troveremo insieme il modo più adatto a lui per la consegna dei device.

Vuoi entrare in contatto con l'Associazione per richiedere un ausilio?

ACCEDI O REGISTRATI E ASSOCIATI