IO DO UNA MANO

Registrati e Associati

Per entrare a far parte della nostra squadra ci vogliono pochissimi minuti.
Compila il form sottostante, invia la tua richiesta e provvedi al versamento della quota associativa tramite bonifico bancario intestato a:

ASSOCIAZIONE IO DO UNA MANO presso Banca Intesa
conto corrente bancario n° 55000/1000/00176273
codice IBAN: IT55I0306909606100000176273

 

I campi contrassegnati con l'asterisco (*) sono obbligatori

Nome*

Cognome*

Indirizzo*

CAP*

Città*

Provincia*

Codice Fiscale*

Carta Identità*

Luogo di nascita*

Provincia di nascita*

Data di nascita*

Cellulare*

Email*

PEC

Password*

Conferma Password*

CHIEDE di essere ammesso, quale (effettuare una sola scelta):

Paga la quota associativa con:

DESIDERA
ricevere ogni ed eventuale comunicazione a mezzo (selezionale una sola modalitĂ  di comunicazione):

Ti ricordiamo che se oltre che associarti vuoi fare una libera donazione devi andare nella sezione dona

ALLEGATO "B" AL N. 12456DI REP. N. 7510 DI RACC.

STATUTO

DENOMINAZIONE - SEDE - SCOPO DELL'ASSOCIAZIONE
art. 1) E' costituita una associazione denominata "IO DO UNA MANO".

art. 2) L'associazione ha sede in Lainate. Con deliberazione del Consiglio direttivo potranno essere istituite sedi secondarie anche in altre località dello Stato od all'estero.

art. 3) L'associazione non ha scopo di lucro e si propone di promuovere lo sviluppo di una rete di volontari che, utilizzando tecniche di stampa 3D o qualsiasi altra tecnica idonea, realizzi dispositivi di assistenza per gli arti superiori o inferiori destinati ad essere offerti a persone con agenesia o che hanno subito una amputazione.

PATRIMONIO
art. 4) Il patrimonio dell'associazione è costituito:
a) dai beni conferiti in sede di costituzione dell’associazione, quali risultano dall'atto costitutivo;
b) dai beni mobili ed immobili che diverranno di proprietà dell'associazione;
c) dai fondi derivanti da eventuali eccedenze di bilancio;
d) da donazioni, legati, lasciti.

art. 5) I proventi con cui provvedere alla attività ed alla vita dell'associazione sono costituiti:
a) dalle quote associative;
b) dai redditi dei beni patrimoniali;
c) dalle erogazioni e contributi di cittadini, enti ed associazioni, nonché dalle raccolte pubbliche di fondi;
d) dai proventi di ogni attività strumentale al raggiungimento degli scopi sociali.

ASSOCIATI
art. 6) I membri dell'associazione si suddividono in:
a) soci fondatori: sono tutti coloro che sono intervenuti nell'atto costitutivo e che hanno contribuito ad insediare il primo Consiglio direttivo;
b) soci ordinari: sono coloro che, condividendo le finalità dell'associazione, facciano richiesta di ammissione al Consiglio direttivo. L'ammissione è deliberata a scrutinio segreto ed all’unanimità di voti dal Consiglio direttivo, ed ha effetto dalla data della deliberazione. L’eventuale diniego, in ogni caso, non dovrà nè essere motivato nè essere dovuto a scelte di carattere discriminatorio (i.e. origini razziali, sesso, lingua, religione, opinioni politiche, origine sociale, ricchezza e nascita). Resta inteso che non potranno in alcun modo acquisire la qualifica di soci ordinari le persone, fisiche o giuridiche, che (i) non condividano la finalità dell’associazione, (ii) abbiamo mantenuto comportamenti non in linea con le finalità solidaristiche ed assistenzialistiche dell’associazione e (iii) siano minorenni.

art. 7) Gli associati sono tenuti al pagamento della quota associativa, differenziata secondo le categorie, che verrà fissata di anno in anno dal Consiglio direttivo. Le quote versate non sono in alcun modo ripetibili, né in caso di scioglimento del singolo rapporto associativo né in caso di scioglimento dell'associazione. La qualità di socio non è trasmissibile.

art. 8) Gli associati, indipendentemente dalla categoria cui appartengono devono impegnarsi nell'interesse comune a contribuire al conseguimento delle finalità che l'associazione si propone secondo le norme del presente statuto e quelle dei regolamenti che verranno emanati dal Consiglio direttivo e la cui osservanza è obbligatoria per gli associati.

art. 9) La qualità di associato deve risultare da apposito registro tenuto a cura del Consiglio direttivo.
Tale qualità si perde nei seguenti casi:

- per morte;
- per recesso da notificarsi con lettera raccomandata al Consiglio direttivo, con un preavviso di almeno 3 (tre) mesi;
- per esclusione; l'esclusione opera automaticamente in caso di morosità nel versamento della quota annuale protrattasi per tre mesi; è deliberata dall’assemblea nel caso di cessazione dalla partecipazione alla vita associativa, negligenza nell'esecuzione dei compiti affidati, violazione delle norme etiche o statutarie. L'associato colpito da provvedimento di esclusione ha diritto di ricorso al Revisore Unico (o al Collegio dei revisori) se nominato;
- per decadenza: la decadenza è pronunciata dal Consiglio direttivo a seguito di interdizione, inabilitazione o condanna dell'associato per reati comuni in genere, ad eccezione di quelli di natura colposa, o per condotta contraria alle leggi, all'ordine pubblico ed agli scopi dell'associazione. L'apertura di qualsiasi procedimento per i casi contemplati deve essere comunicata all'interessato con lettera raccomandata. La riammissione può essere richiesta solo dopo che siano venute a cessare le cause che l'hanno determinata.

ORGANI DELL'ASSOCIAZIONE
art. 10) Sono organi dell'associazione: a) l'assemblea degli associati; b) il Consiglio direttivo; c) il Presidente; d) il Segretario generale; e) il Revisore Unico o il Collegio dei revisori.

ASSEMBLEA
art. 11) L'assemblea degli associati deve essere convocata dal Consiglio direttivo almeno una volta all'anno, entro 120 (centoventi) giorni dalla chiusura dell'esercizio sociale, per l'approvazione del bilancio consuntivo e preventivo e, quando occorra, per la nomina dei membri del Consiglio direttivo e del Revisore Unico (o del Collegio dei revisori). L'assemblea deve inoltre essere convocata ogni qualvolta il Consiglio direttivo ne ravvisi la necessità o quando ne sia fatta richiesta motivata da almeno un decimo degli associati.

art. 12) Le assemblee sono convocate con avviso contenente l'indicazione del giorno, dell'ora, del luogo dell'adunanza e l'elenco delle materie da trattare spedito ad ogni associato a mezzo lettera raccomandata, fax o messaggio di posta elettronica almeno sette giorni prima della data fissata. L'avviso di convocazione fisserà anche la data per la seconda convocazione.

art. 13) Ogni socio ha diritto di voto in assemblea.
Non è ammesso il voto per rappresentanza o per corrispondenza.
Le riunioni dell’assemblea si possono svolgere anche mediante mezzi di telecomunicazione, alle seguenti condizioni di cui si darà atto nei relativi verbali:
a) che sia consentito al presidente della riunione di accertare l'identità degli intervenuti, regolare lo svolgimento della riunione, constatare e proclamare i risultati delle votazioni;
b) che sia consentito al soggetto verbalizzante di percepire adeguatamente gli eventi della riunione oggetto di verbalizzazione;
c) che sia consentito agli intervenuti di partecipare alla discussione ed alla votazione simultanea sugli argomenti all'ordine del giorno, nonché di visionare, ricevere o trasmettere documenti. Verificandosi tali presupposti, l’assemblea si ritiene svolta nel luogo ove sono presenti il Presidente ed il soggetto verbalizzante. L’assemblea è validamente costituita con la maggioranza dei soci e delibera con la maggioranza dei voti dei presenti. In seconda convocazione l’assemblea delibera con il voto favorevole della maggioranza dei soci intervenuti, qualunque sia il loro numero. Per le deliberazioni concernenti le modifiche dello statuto e per l'esclusione di un socio fondatore, occorre anche il voto favorevole della maggioranza dei Soci fondatori. Per le deliberazioni concernenti lo scioglimento dell'associazione e la devoluzione del patrimonio occorrono il voto favorevole di almeno tre quarti degli associati ed il voto favorevole della maggioranza dei Soci fondatori. Nelle deliberazioni che riguardano la loro responsabilità i consiglieri non hanno voto.

art. 14) L'assemblea è presieduta dal Presidente del Consiglio direttivo assistito dal Segretario generale. Delle riunioni delle assemblee si redige processo verbale firmato dal Presidente e dal Segretario generale.

art. 15) Le votazioni delle assemblee avvengono sempre in modo palese.

CONSIGLIO DIRETTIVO


art. 16) L'associazione è retta ed amministrata da un Consiglio direttivo composto da 3 (tre) membri: di essi, 2 (due) componenti, tra cui il Presidente, sono nominati dai Soci Fondatori con decisione assunta a maggioranza degli stessi, mentre 1 (uno) componente è nominato dall'assemblea con le modalità previste dall'art. 13. Il Consiglio direttivo rimane in carica per 3 (tre) anni o per il minor periodo determinato dall'assemblea al momento della nomina; i membri del Consiglio direttivo sono rieleggibili.

art. 17) Qualora (i) venisse a mancare un consigliere gli altri provvedono a sostituirlo e (ii) venisse a mancare la maggioranza dei consiglieri, l’intero consiglio decadrà. I consiglieri nominati ai sensi dell’art. 17 (i) restano in carica sino alla scadenza del Consiglio che li ha eletti. I Soci Fondatori, con decisione assunta a maggioranza degli stessi, possono in ogni tempo revocare uno o più componenti del Consiglio direttivo e procedere alla loro sostituzione.

art. 18) La carica di consigliere è gratuita, salvo eventuali rimborsi per le spese sostenute in ragione dell’incarico e adeguatamente documentate.

art. 19) Il Consiglio direttivo è convocato con avviso spedito a mezzo lettera raccomandata, fax o messaggio di posta elettronica almeno sette giorni prima della riunione o, nei casi di urgenza, mediante telegramma, fax o messaggio di posta elettronica da inviarsi almeno quarantotto ore prima, contenente l'indicazione del giorno, dell’ora, del luogo della riunione e l’elenco degli argomenti da trattare. Le adunanze del Consiglio direttivo e le sue deliberazioni sono valide, anche senza convocazione formale, quando intervengono tutti i consiglieri in carica. Le riunioni del Consiglio direttivo si possono svolgere anche mediante mezzi di telecomunicazione, alle medesime condizioni previste per l'assemblea. Per la validità delle deliberazioni del Consiglio direttivo è richiesta la presenza di almeno la metà dei consiglieri e le deliberazioni sono prese a maggioranza dei voti; in caso di parità prevale il voto del Presidente. Delle deliberazioni del Consiglio direttivo si redige processo verbale firmato dal Presidente e dal Segretario generale.

art. 20) E' fatto obbligo ai consiglieri di partecipare alle riunioni di Consiglio. Qualora un consigliere non partecipasse a tre riunioni consecutive senza giustificato motivo o comunque, se inferiori, a quelle tenute nel corso di un intero esercizio sociale, è considerato dimissionario.

art. 21) Il Consiglio direttivo si riunisce tutte le volte che il Presidente lo ritenga necessario o che ne sia fatta richiesta dalla maggioranza dei consiglieri. Le sedute del Consiglio direttivo sono presiedute dal Presidente od, in sua assenza, dalla persona designata dagli intervenuti.

art. 22) Il Consiglio direttivo è investito dei più ampi poteri per la gestione ordinaria e straordinaria dell'associazione compresi, fra gli altri, quelli di:
a) assicurare il conseguimento degli scopi dell'associazione;
b) convocare le assemblee;
c) deliberare sull'ammissione di nuovi associati ed adottare i provvedimenti di decadenza;
d) redigere i bilanci preventivi e consuntivi;
e) emanare regolamenti e norme per l'organizzazione ed il funzionamento dell'associazione;
f) acquistare ed alienare beni mobili ed immobili; accettare eredità e legati; determinare l'impiego dei contributi, delle erogazioni e dei mezzi finanziari a disposizione dell'associazione;
g) stabilire l'ammontare delle quote associative per i singoli esercizi;
h) negoziare e concludere con istituti di credito la concessione di prestiti, mutui o altre forme di finanziamento ed anche mediante prestazione di garanzie in favore proprio o di altri soggetti senza scopo di lucro;
i) decidere la partecipazione dell'associazione a bandi, gare o procedure selettive ad evidenza pubblica comunque denominate, predisponendo e sottoscrivendo i relativi atti;
l) costituire e/o aderire ad associazioni temporanee, joint ventures, sottoscrivere protocolli d'intesa e in generale porre in essere le più opportune forme di collaborazione con soggetti terzi finalizzate, in particolare, alla partecipazione a procedure di evidenza pubblica;
m) conferire incarichi a soggetti terzi per la realizzazione degli scopi statutari;
n) promuovere e/o organizzare eventi (seminari, giornate di studio, convegni, ecc.) finalizzati alla sensibilizzazione del pubblico sugli scopi dell’associazione;
o) deliberare su qualsiasi questione che non sia dal presente statuto espressamente demandata all'assemblea o ad altri organi.

art. 23) Il Consiglio direttivo nominerà tra i suoi membri:
- il Vice Presidente che sostituisce il Presidente nei casi di assenza o impedimento: la firma del Vice Presidente fa stato nei confronti dei terzi dell’assenza o dell’impedimento del Presidente;
- il Segretario Generale.
Essi resteranno in carica quanto il Consiglio stesso.

art. 24) Il Presidente rappresenta legalmente l'associazione nei confronti dei terzi ed in giudizio. Il Presidente presiede l'assemblea, convoca e presiede le riunioni del Consiglio direttivo, ne cura l'esecuzione delle deliberazioni ed, inoltre, assolve normalmente funzioni di coordinatore dei lavori dell'associazione.

art. 25) Il Segretario generale dura in carica tre anni, ed è rieleggibile. A lui competono la redazione dei verbali delle riunioni del Consiglio direttivo che sottoscrive unitamente al Presidente e, se delegati dal Consiglio direttivo, il coordinamento e l'organizzazione di tutta l'attività gestionale, esecutiva ed economica dell'associazione, nell'ambito delle direttive impartite dal Consiglio direttivo e dall'assemblea le operazioni di pagamento ed incasso sui conti correnti dell'associazione, sempre nei limiti individuati dal Consiglio direttivo.

REVISORE UNICO E COLLEGIO DEI REVISORI
art. 26) L’assemblea può nominare un Revisore Unico oppure un Collegio dei revisori, composto da tre membri, che eleggono tra loro un Presidente qualora a ciò non abbia già provveduto l'assemblea.
Qualora venisse a mancare un revisore facente parte del Collegio, gli altri provvedono a sostituirlo. Il revisore così nominato resta in carica sino alla data di scadenza del Collegio che lo ha eletto.
I Revisori devono essere iscritti all’Albo dei Revisori legali.
Al Revisore Unico ovvero al Collegio dei revisori spetta il compito di:
a) controllare la gestione contabile dell'associazione e di effettuare, in qualunque momento, gli accertamenti di cassa; redigere collegialmente la relazione sui bilanci preventivo e consuntivo da presentare all'assemblea;
b) vigilare e controllare che siano osservate le norme statutarie;
c) decidere sui ricorsi contro i provvedimenti di esclusione e decadenza degli associati e per la riammissione degli stessi e sulle controversie sottoposte al loro giudizio. La carica di revisore è inconciliabile con quella di consigliere, ha la durata di tre esercizi ed è rinnovabile anche più volte. I revisori partecipano all'assemblea che approva il bilancio e possono, su loro richiesta, assistere alle riunioni del Consiglio direttivo.

BILANCIO
art. 27) L'esercizio finanziario si chiude al trentuno dicembre di ogni anno. Alla fine di ciascun esercizio il Consiglio direttivo procederà alla redazione del bilancio da presentare per l'approvazione, unitamente al programma dell'attività per il nuovo esercizio ed al preventivo delle spese, all'assemblea da convocarsi entro 120 (centoventi) giorni dalla chiusura dell'esercizio.

art. 28) Dalla data dell'avviso di convocazione dell’assemblea, bilancio e programma verranno depositati presso la sede dell'associazione a disposizione degli associati che intendessero consultarli.

art. 29) E' vietata la distribuzione, anche in modo indiretto, di utili od avanzi di gestione nonché di fondi, riserve o capitale durante la vita dell'associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione siano imposte dalla legge o siano effettuate a favore di altre organizzazioni senza scopo di lucro che per legge, statuto o regolamento facciano parte della medesima ed unitaria struttura.

SCIOGLIMENTO
art. 30) L'associazione ha durata illimitata. In caso di scioglimento dell'associazione l'assemblea nominerà uno o più liquidatori che provvederanno alla liquidazione del patrimonio secondo le norme di legge. Nel caso di impossibilità di regolare costituzione dell'assemblea ciascuno dei membri del Consiglio direttivo potrà chiedere all'autorità competente la nomina del o dei liquidatori. Quanto residuerà, esaurita la liquidazione, verrà devoluto ad altra organizzazione senza scopo di lucro con finalità analoghe od a fini di pubblica utilità, scelti dai liquidatori in base alle indicazioni fornite dall'assemblea, salvo diversa destinazione imposta dalla legge.

RINVIO
art. 31) Per quanto non previsto dal presente statuto si intendono applicabili le norme di legge vigenti in materia di associazioni.
F.to EMANUELE MICHELI
F.to JAMES SALVATORE SEGRE
F.to MARIO GAGLIARDI
F.to ROBERTO ROSSI
F.to TOMMASO CICCAGLIONE vF.to FAUSTO ORTOLANI
F.to GIUSEPPE COGLIOLO
F.to MAURO GRANDI Notaio
Copia conforme all'originale, munito delle prescritte firme. Si rilascia in carta libera per gli usi consentiti. Milano, 12 Ottobre 2020








REGOLAMENTO INTERNO ASSOCIAZIONE IO DO UNA MANO

Articolo 1. - Premessa
Il seguente regolamento (il “Regolamento”) contiene le norme attuative per la vita sociale dell’Associazione IO DO UNA MANO (l’ “Associazione”). Esso discende dallo statuto (lo “Statuto”) che rimane il riferimento normativo fondamentale e lo integra. Il Regolamento disciplina, in aggiunta allo statuto, il comportamento di tutti i soci alla vita associativa e di coloro che operano, in qualsiasi forma, per l’Associazione a meno che la loro posizione non sia disciplinata per legge o per altri accordi stipulati dall’Associazione stessa

Articolo 2. - Soci
2.1 Domanda di iscrizione del nuovo socio.
L’aspirante socio è tenuto a compilare il modulo di adesione all’Associazione accettando il contenuto dello statuto e del Regolamento ed effettuando il pagamento della quota associativa annuale. In sede di sottoscrizione del modulo di adesione, l’aspirante socio renderà alcune dichiarazioni necessarie per poter far parte della vita associativa. Lo Statuto ed il Regolamento sono disponibili sul sito dell’Associazione e/o presso la sede dell’Associazione. I dati anagrafici personali dei soci sono da considerarsi estremamente riservati e saranno gestibili esclusivamente dal Consiglio Direttivo che ne sarà direttamente responsabile per ogni eventuale illecito. Il modulo di adesione può essere:
(i) stampato, compilato, firmato, scansionato ed anticipato via email all’indirizzo dell’Associazione e successivamente spedito a mezzo posta ordinaria;
(ii) consegnato direttamente ad un membro del Consiglio Direttivo o persona dallo stesso delegata.
(iii) Compilato on-line tramite apposito modulo disponibile sul sito dell’associazione. Ricevuta la richiesta, il Consiglio Direttivo, nella prima riunione utile, delibererà sull’eventuale accoglimento e/o rigetto della relativa domanda. Si applicherà a tal proposito quanto previsto dallo Statuto. Il Consiglio Direttivo comunicherà l’esito della deliberazione tramite i recapiti forniti nel modulo di adesione. Il titolo di socio viene acquisito effettivamente al versamento della quota di iscrizione, alla quale seguirà l’immediato inserimento nel Registro dei Soci.

2.2. Tipologie di socio
Si individuano le seguenti tipologie di soci:
– i Soci Fondatori (i “Soci Fondatori”): sono Soci Fondatori coloro che hanno partecipato alla fondazione dell’Associazione con la sottoscrizione dell’atto costitutivo. Ai Soci Fondatori spettano i diritti indicati nello Statuto.
– I Soci Ordinari (i “Soci Ordinari”): sono coloro che versano annualmente la quota stabilita dal Consiglio Direttivo. Ai Soci Ordinari spettano i diritti indicati nello Statuto.
– I Soci Volontari (i “Soci Volontari”): sono coloro che oltre a versare annualmente la quota stabilita dal Consiglio Direttivo garantiscono la loro disponibilità, da concordare secondo le rispettive esigenze, a collaborare come volontari dell’Associazione e per l’Associazione, per le attività dell’Associazione. I Soci Volontari hanno gli stessi diritti dei Soci Ordinari
– I Soci Sostenitori (i “Soci Sostenitori”): sono coloro che, per spirito di supporto, desiderano contribuire alla vita dell’Associazione finanziariamente, con una quota superiore a quella di un Socio Ordinario.

2.3. Regole per i soci
I soci hanno diritto a:
– partecipare alla vita associativa così come previsto nello Statuto;
– proporre al Consiglio Direttivo progetti o iniziative compatibili con lo statuto dell’Associazione al fine di essere approvate ed eventualmente messe in atto; Ogni socio si assume la responsabilità per ogni danno recato a cose o persone inerenti l’Associazione e gli spazi dove hanno luogo le iniziative promosse dall’Associazione.

Articolo 3. - La quota associativa
3.1 Quota associativa annuale
La quota associativa deve essere corrisposta da tutti i soci che rinnovano l’iscrizione, entro al massimo 30 giorni dall’inizio dell’anno sociale, tramite accredito sul conto corrente dell’Associazione L’ammontare della quota associativa, con la sola esclusione della parte liberale del Socio Sostenitore viene stabilita dal Consiglio Direttivo. Qualora il socio non comunicasse la volontà di uscire dall’associazione entro il termine del 30 novembre di ciascun anno, la qualifica di socio si intende rinnovata anche per l’anno successivo, fatto salvo l’obbligo di pagare la relativa quota associativa.

3.2 Quota associativa dei soci La quota associativa dei Soci Ordinari, dei Soci Volontari e dei Soci Fondatori è stabilita in € 15,00 e copre la durata dell’anno solare, quindi a partire dal 1° gennaio e sino al 31 dicembre. La quota associativa dei Soci Sostenitori è stabilita in € 30,00 e copre la durata dell’anno solare, quindi a partire dal 1° gennaio e sino al 31 dicembre. Solo in caso di prima iscrizione, la quota - pur da pagarsi integralmente - è stabilita per la sola porzione di anno residua. A tali quote associative si sommano eventuali quote liberali di cui al modulo di adesione. Per il rinnovo dell’adesione, verrà inviata a tutti soci una comunicazione a partire da tre mesi prima della scadenza. La quota di rinnovo dovrà essere versata entro al massimo 30 giorni dall’inizio dell’anno sociale, pena l’esclusione dall’Associazione. Il Consiglio Direttivo, in ogni caso potrà adottare quote associative agevolate per i i genitori / esercenti la potestà genitoriale dei bambini beneficiari (o possibili beneficiari) dell’attività dell’Associazione che versino in una situazione economico finanziaria tesa.

Articolo 4. - Le assemblee
4.1 Tipologie di assemblee Le assemblee saranno diversificate in due categorie: assemblea dei soci (alla quale prendono parte tutti i soci) e assemblee del Consiglio Direttivo (a cui prendono parte solo i soci membri del Consiglio Direttivo).

4.2 Verbale dell’assemblea dei soci Una copia del verbale, firmato dal Segretario Generale e dal Presidente, viene conservato in archivio nella sede sociale dell’Associazione. Il verbale di ogni assemblea è a disposizione dei soci che ne facciano richiesta.

4.3. Verbale dell’assemblea del Consiglio Direttivo Una copia del verbale, firmato dal Segretario Generale e dal Presidente, viene conservato in archivio nella sede sociale dell’Associazione. Il verbale di ogni assemblea è a disposizione dei soci che ne facciano motivata richiesta.

Articolo 5. – Il Consiglio Direttivo
5.1 Composizione del Consiglio Direttivo L’Associazione è rappresentata dal Consiglio Direttivo, che ha potere decisionale sulle scelte organizzative e varie dell’Associazione, nel rispetto della sovranità dello Statuto. Il Direttivo è composto da 3 (tre) membri eletti secondo le disposizioni dello Statuto.

5.2 Assemblee del Consiglio Direttivo Il Consiglio si riunisce su convocazione del Presidente ogni qual volta ne sia fatta richiesta da almeno uno dei suoi membri e comunque almeno due volte all’anno per deliberare in ordine al compimento degli atti fondamentali della vita associativa.

5.3 Il Presidente Il Presidente è l’unico a poter rappresentare l’Associazione e cura il rapporto con le altre associazioni e organizzazioni private e pubbliche. Ha i poteri attribuiti dallo statuto e dalle delibere del Consiglio Direttivo. Il Presidente presiede l’Assemblea dei Soci ed esercita tutte le funzioni demandategli dall’Assemblea.

5.4 Il Vice Presidente ed il Segretario Generale Il Vice Presidente ed il Segretario Generale hanno le funzioni ed i poteri loro attribuiti dallo Statuto e dalle delibere del Consiglio Direttivo

Articolo 6. – La gestione delle attività dell’Associazione
6.1. La Nomina del Responsabile Per ogni iniziativa promossa dall’Associazione verrà designato un Responsabile, scelto o tra i membri del Consiglio Direttivo o tra i Soci Volontari, dopo verifica di competenze e disponibilità. Il responsabile è incaricato della gestione operativa della singola iniziativa, ne controlla l’andamento dell’iniziativa e ne assume la responsabilità: il responsabile decide su ogni controversia di qualsiasi natura che dovesse insorgere tra soggetti interessati.

6.2. La scelta dell’iniziativa. La scelta della singola iniziativa viene assunta dal Consiglio Direttivo o affidata dal Consiglio Direttivo stesso ad un suo membro o ad un comitato tecnico scientifico, nominato - anche tra non soci – dal Consiglio Direttivo. Le scelte del Consiglio Direttivo, del suo membro e/o del comitato tecnico scientifico non sono sindacabili da nessun socio.

Articolo 7. – Spese Rimborsabili
Le spese che i soci sostengono per partecipare alla vita associativa non sono in alcun modo rimborsabili. Le spese sostenute dai Soci Volontari nello svolgimento delle attività a favore dell’Associazione devono essere autorizzate dal Consiglio Direttivo e saranno oggetto di rimborso solo se documentalmente provate (i.e. scontrini e ricevute fiscali, fatture intestate all’Associazione, biglietti aerei e bus in classe economica, biglietti treno in seconda classe o classe economica, pedaggi autostradali (ricevuta fiscale) e consumi benzina (secondo tabella costi chilometrici dell’ACI, con una decurtazione del 30%). Per usufruire del rimborso spese, gli aventi diritto dovranno presentare al Segretario Generale, entro 30 giorni dalle spese effettuate, il modulo di rimborso spese (preparato dal Segretario Generale) con allegate le eventuali fatture intestate all’Associazione e la documentazione necessaria. Il pagamento dei rimborsi, una volta verificati e approvati dal Segretario Generale, verrà effettuato entro i successivi 30 giorni, con copia riassuntiva ed esplicativa dei rimborsi effettuati al Consiglio Direttivo. Il modulo di rimborso spese e tutti gli allegati saranno conservati dal Consiglio Direttivo per il tempo previsto dalla legge, per il resoconto annuale e per tutte le verifiche necessarie.

Articolo 8. – Rapporti con i terzi
L’Associazione si riserva il diritto di stipulare accordi con terzi soggetti estranei dall’Associazione.

Articolo 9. – Comunicazioni ai soci
La mailing-list è il mezzo principale attraverso il quale vengono fatte le comunicazioni fra i soci, inclusa la convocazione per le assemblee. Ove un socio sia impossibilitato a ricevere tali comunicazioni per via telematica, deve fare espressa richiesta di riceverle per posta normale o per altra via specificata.

Articolo 10. – Miscellanee
10.1 Trattamento dati personali Il registro degli associati viene conservato nel rispetto delle vigenti normative sul trattamento e la tutela dei dati personali (D.Lgs. 196/03 e GDPR 216/679). Il titolare del trattamento è l’Associazione nella persona del Presidente. I dati personali dei soci saranno conservati e trattati esclusivamente per uso interno e non verranno forniti a terze parti in alcun caso, ad eccezione delle Pubbliche Autorità alle quali, su richiesta, dovranno essere forniti per gli scopi previsti dalla legge e in caso di consenso da parte degli stessi soci.
10.2 Conto corrente dell’Associazione
Per il pagamento delle quote sociali, per eventuali contributi per le attività svolte e per donazioni ed altri conferimenti finanziati all’Associazione è possibile usare il conto corrente bancario del quale vengono riportati i riferimenti necessari.
IBAN [•]

10.3. Modifiche
Il Consiglio Direttivo avrà la facoltà ed il diritto in qualsiasi momento di modificare e/o integrare il presente Regolamento. In caso di modifica e/o integrazione del presente Regolamento, ciascun socio avrà la facoltà di recedere dall’associazione entro il termine di 30 giorni dall’adozione del nuovo Regolamento. I caso di recesso, nulla sarà dovuto dall’Associazione al socio.

10.4. Legge applicabile Il presente Regolamento è retto e regolato dalla legge Italiana








PRIVACY POLICY

PRIVACY POLICY – GENERALE Informativa per trattamento di dati personali – Documento informativo ai sensi e per gli effetti di cui all’articolo 13, Reg. (UE) 2016/679.
Titolare del trattamento
IO DO UNA MANO, in Via Manuel Fangio, 7 22071 – Lainate (MI) e-mail: iodounamano@legalmail.it nella persona del Presidente pro-tempore.

Finalità del trattamento
A) Navigazione sul presente sito internet
B) Registrazione e accesso alla piattaforma tramite credenziali per poter effettuare la richiesta di un ausilio

Base legale
Legittimo interesse
Art. 6 l. f) GDPR
Attività strettamente necessarie al funzionamento del sito e all’erogazione del servizio di navigazione sulla piattaforma.
Contratto Art. 6 l. b) GDPR

Periodo conservazione dati
Fino alla durata della sessione di navigazione
Durata iscrizione, fino a richiesta di cancellazione account. In caso di inattività dell’utente per 1 anno, il Titolare del trattamento cancellerà il suo account

Conferimento dati
Obbligatorio per poter navigare sul sito.
Necessario.
In mancanza di conferimento Lei non potrà procedere alla richiesta

Destinatari Al fine di ottemperare ai contratti in essere o finalità connesse, i suoi dati saranno trattati da società contrattualmente legate a IO DO UNA MANO, ed in particolare potranno essere comunicati a terzi appartenenti alle seguenti categorie:
- soggetti che forniscono servizi per la gestione del sistema informativo usato da IO DO UNA MANO e delle reti di telecomunicazioni;
- liberi professionisti, studi o società nell’ambito di rapporti di assistenza e consulenza;
-soggetti che forniscono servizi per la gestione delle attività sopra indicate nelle finalità (soggetti per comunicazione, siti internet);
- gestori di piattaforme per i servizi sopra elencati (hosting di siti, youtube ecc);
- autorità competenti per adempimenti di obblighi di leggi e/o di disposizioni di organi pubblici, su richiesta;
- agli altri associati;

I soggetti appartenenti alle categorie suddette svolgono la funzione di Responsabile del trattamento dei dati, oppure operano in totale autonomia come distinti Titolari del trattamento. Qualora all’atto della registrazione on line, Lei avrà prestato consenso per la diffusione dei Suoi dati mediante pubblicazione sul sito web istituzionale di IO DO UNA MANO, i Suoi dati verranno diffusi. Ogni ulteriore comunicazione o diffusione avverrà solo previo Suo esplicito consenso.

Trasferimento dati verso un paese terzo e/o un’organizzazione internazionale I dati di natura personale forniti non potranno essere trasferiti all’estero all’interno o all’esterno dell’Unione Europea.

Diritti dell’interessato | Reclamo Autorità di controllo Lei potrà far valere i propri diritti come espressi dagli artt. 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22 del Regolamento UE 2016/679, rivolgendosi al Titolare del trattamento, inviando una mail all’indirizzo iodounamano@legalmail.it, Lei ha il diritto, in qualunque momento, di chiedere al Titolare del trattamento l’accesso ai Suoi dati personali, la rettifica, la cancellazione degli stessi, la limitazione del trattamento. Inoltre, nei casi previsti, ha il diritto di opporsi, in qualsiasi momento, al trattamento dei suoi dati), nonché di revocare il consenso prestato senza pregiudicare la liceità del trattamento basata sul consenso prima della revoca. Lei ha diritto di opporsi al trattamento basato sul legittimo interesse. Fatto salvo ogni altro ricorso amministrativo e giurisdizionale, se ritiene che il trattamento dei dati che la riguardano, violi quanto previsto dal Reg. UE 2016/679, ai sensi dell’art. 15 lettera f) del succitato Reg. UE 2016/679, Lei ha il diritto di proporre reclamo all’Autorità di Controllo - Garante per la protezione dei dati personali Italiana (https://www.garanteprivacy.it/). Nei casi previsti, lei ha il diritto alla portabilità dei suoi dati e in tal caso il Titolare del trattamento Le fornirà in un formato strutturato, di uso comune e leggibile, da dispositivo automatico, i dati personali che la riguardano.

Modifica informativa sulla Privacy Il titolare si riserva il diritto di modificare, aggiornare, aggiungere o rimuovere parti della presente informativa sulla privacy a propria discrezione e in qualsiasi momento. Al fine di facilitare tale verifica l’informativa conterrà l’indicazione della data di aggiornamento.

Data di aggiornamento: 01.02.2021